Tecnam P92 Echo S

 

Tecnam P92 Echo S

 

La prima impressione, appena scesi dal P92S, è quella che più di così non conviene spingersi: il velivolo è ad uno stadio di sviluppo avanzatissimo, specie dal punto di vista aerodinamico, ed ogni possibile incremento di prestazioni obbligherebbe a rivedere l'intera struttura in maniera radicale.

Il Rotax 912 S in quanto a potenza è sovrabbondante, ma in questo caso quello che sembra essere stato il punto di svolta è stata la profonda rivisitazione aerodinamica del velivolo, piuttosto che il semplice aumento della potenza installata. 

 

Impressioni di volo

 

Anche a bordo troviamo novità importanti, un nuovo cruscotto strumenti con palpebra e un indicatore analogico dei flap in luogo delle coreografiche, ma approssimate, spie led colorate; presente inoltre una levetta, sul bordo inferiore del pannello, che consente di regolare la frizione delle manette gas, affidata precedentemente a due guancette a pressione sul tubo di torsione delle manette, che ogni tanto decidevano di allentarsi.

Migliora sensibilmente anche la visibilità laterale e posteriore grazie alla finestratura della nuova carena, mentre la maggiore inclinazione del parabrezza non incide sulla buona visibilità anteriore. In decollo i 20 hp in più del 912S si sentono tutti, con un'accelerazione notevole, ma quello che è veramente incredibile è il rateo di salita, che porta il velivolo a pieno carico a 1000 ft in 52 secondi, mentre con il solo pilota si arrivano a leggere anche 1700 ft/min sul variometro.

 

In volo livellato notiamo l'assetto neutro del velivolo che, all'aumentare della velocità non mette giù il muso, ma accelera quasi linearmente e con una facilità impressionante: ecco, quello che colpisce non è tanto la prestazione assoluta, quanto la velocità che si riesce a mantenere con poco motore, in pratica a 5000 giri si va a 200 km/h veri, il che significa poter viaggiare esattamente come i migliori velivoli monomotore di Aero Club.

 

Con il motore in pieno se si vuol restare entro l'arco verde di manovra (215 km/h) il variometro è ancora di poco a salire, mentre al 75 % della potenza abbiamo letto 210 km/h IAS (e, come afferma Enzo De Blasio, collaudatore Tecnam, la taratura dell'impianto anemometrico è corretta). 

Va segnalato che la nuova raccordatura posteriore della cabina probabilmente irrigidisce ulteriormente il tronco di coda, eliminando gran parte delle fastidiose risonanze metalliche ben conosciute dai proprietari di P92, specie al variare del regime motore intorno ai 4000 RPM e con motore al minimo, mentre proprio a questo regime il 912S si rivela più ruvido ed irregolare rispetto al 912 80 hp; rimane inalterato il comportamento generale, di grande facilità di pilotaggio, anche se la nuova aerodinamica ha regalato, oltre alla velocità, un'efficienza notevole che in finale si sente tutta.

 

In definitiva il P92S, offerto anche nella versione da 80 hp, ci sembra arrivato al massimo grado di sviluppo possibile, con prestazioni assolutamente analoghe a quelle di aeromobili convenzionali ed ottime performances nel turismo aereo

News

Saremo presenti al campo ogni venerdì, sabato e domenica

Cosciale

  Il nostro filmato
Presentazione video
  Dove siamo
Dove siamo
  Facebook
Facebook

Scuola di volo VDS TAG © 2014 power by Bellomerlo - Grigione - Piededestro